Archivi tag: paglia

Come auto-costruire una casa in stile Hobbit nel giardino con 180 euro

casa hobbit a costo zero

Una piccola e accogliente earth house in stile “Hobbit”. Se l’è auto-costruita, con appena 150£ (180 Euro circa), il 59enne Michael Buck, un ex professore di arte, nel giardino della sua principale abitazione a Oxfordshire, una contea dell’Inghilterra del sud-est.

In questi anni ha fatto il giro del mondo la Low Impact Woodland Homel’earth house costruita da Simon e Jasmine Dale, una coppia gallese con appena 4000 euro, diventando, di fatto, la casa degli hobbit per antonomasia, nonché il sogno di tutti quelli che vorrebbero fuggire dalla città. Ma Buck è andato oltre, riuscendo nell’impresa di realizzare questa casetta nel proprio giardino ad un prezzo davvero irrisorio.

Buck ha passato 2 anni a raccogliere materiali naturali e di recupero per la costruzione. Ha impiegato altri otto mesi per dar vita alla sua creazione, realizzata solo a mani nude e senza alcun attrezzo. Come ha fatto? Semplice: ha impiegato un’antica tecnica edilizia, appresa da un libro, quella del “cob”. La tecnica viene addirittura dalla preistoria e sfrutta un materiale da costruzione realizzato da una miscela di sabbia, paglia, argilla, acqua e terra. 

L’argilla è mescolata con sabbia, paglia e acqua. Il materiale, versato su un basamento di pietra, viene pressato usando mani e piedi. Gli strati si accumulano gradualmente, mentre induriscono nel tempo. Il processo è noto come “Cobbing” e dà vita a un materiale resistente, durevole e resistente agli agenti atmosferici.

Per completare la sua casa di terra, Michael Buck si è ingegnato. Le assi del pavimento sono realizzate con il legno recuperato da un vicino. Il vetro delle finestre viene dal parabrezza di un vecchio autocarro. Le pareti sono dipinte con una miscela di gesso e resina vegetale. Il tetto, infine, è una semplice cornice di legno sovrastata dalla paglia raccolta nei campi attigui. Non aveva previsto di utilizzare soldi per la costruzione, ma ha fatto un paio di errori di calcolo che hanno comportato una spesa 150£. Ad esempio, la quantità di paglia di cui aveva bisogno per il tetto era maggiore del previsto, così ne ha dovuto comprare dell’altra.

casa hobbit a costo zero 2

casa hobbit a costo zero 3

La casa di paglia hobbit non ha un impianto elettrico, né acqua corrente e gas. Ma i residenti della casa non ne hanno bisogno: l’acqua arriva grazie a una vicina sorgente, che è stata deviata per sgorgare fuori dalla casa. Non c’è riscaldamento centralizzato, certo, ma le pareti di terra e il tetto di paglia offrono un ottimo isolamento. La combustione della stufa a legna può essere utilizzata per la cottura ed è strategicamente posizionato sotto il letto a castello. Questo fa in modo che i residenti stare al caldo per tutta la notte, mentre per illuminare ci sono candele e lanterne.

Uno spazio ben studiato, a pochi metri dalla porta di casa, serve come frigorifero naturale per le derrate alimentari. La casa dispone di un gabinetto di compostaggio in una dependance di paglia separata con vista sulla campagna dell’Oxfordshire. Lo scopo finale di Buck era quello di dimostrare che per avere una casa confortevole non è necessario pagare un mutuo per tutta la vita.

Roberta Ragni

Foto e fonte

LEGGI ANCHE:

Case di Paglia: come autocostruire una casa naturale e autosufficiente con 45mila euro

Earth Houses: le “case degli Hobbits” costruite in perfetta armonia con la natura

Annunci

5 Tendenze nell’Architettura Sostenibile

architettura sostenibile, architettura sostenibile agricoltura verticale, materiali a cambiamento di fase pcm

Con così tante preoccupazioni in arrivo ogni anno, tra economia ed ecologia, una necessità fondamentale ora è quella di afferrare il concetto di architettura sostenibile. Ed ormai è un concetto che sembra svilupparsi rapidamente nei paesi occidentali. L’architettura sostenibile può cambiare il mondo. Con i rapidi progressi nel campo dell’ecodesign e della progettazione sostenibile, c’è una grande richiesta di rendere gli edifici e le tecniche di costruzione più verdi e più sostenibili e meno dannose per la terra. Il mondo ha colto questo concetto molto bene. La necessità di nuove tecniche e materiali che possono essere facilmente riciclati sono ora vengono presi in considerazione. Ma ecco intanto cinque tendenze che servono d’ispirazione per i giovani progettisti che ogni giorno di più si trovano di fronte ad una realtà che necessariamente va migliorata.

Agricoltura verticale

Con un aumento previsto della popolazione a 9,1 miliardi di persone entro il 2050, l’alimentazione sta diventando una grande preoccupazione. La produzione alimentare deve aumentare del 70%. Ciò significherebbe avere rese maggiori e l’espansione della superficie coltivata (tuttavia limitata e a causa dell’agricoltura industriale sempre meno). Inoltre i terreni disponibili per la coltivazione non sono distribuiti uniformemente, mentre altri sono adatti per coltivare solamente alcune colture. Così gli architetti di tutto il mondo stanno iniziando a progettare edifici in cui si può coltivare lungo le superfici, le pareti e i tetti (agricoltura verticale). Questa tecnologia fornisce più spazio per la coltivazione e aiuta a risolvere la crisi continua per la ricerca di terre fertili. Le fattorie verticali possono essere integrati con edifici residenziali o anche con nuovi modelli di aziende agricole in fase di realizzazione nelle periferie delle città. Fornendo anche un ambiente più pulito per le persone che le circondano.

Paglia

La paglia è un materiale inaspettatamente resistente e che può essere utilizzato come materiale da costruzione. Molti designer e costruttori oggi fanno uso di questo materiale naturale per creare edifici sempre più sostenibili. Come già abbiamo avuto modo di discutere in questo nostro articolo: “Case in Paglia: nel Regno Unito Avanguardia dell’Edilizia Popolare“, queste abitazioni possono essere realizzate da pannelli prefabbricati con paglia. Questi pannelli possono essere assemblati in aziende specializzate o in locale. Questa tecnologia di produzione consente di risparmiare denaro ed energia e diminuire i tempi di costruzione oltre a diminuire le emissioni di CO2. L’elettricità può essere generata da pannelli fotovoltaici e solari termico e l’elettricità extra può essere venduta alla rete elettrica. Le case realizzate in paglia sarebbero considerevolmente più economiche, visto che la paglia è un prodotto che è disponibile in grande quantità.

Materiali a Cambiamento di Fase PCM

I materiali a cambiamento di fase (PCM) sono materiali accumulatori di calore latente, che sfruttano il fenomeno della transizione di fase per assorbire i flussi energetici entranti, immagazzinando un’elevata quantità di energia e mantenendo costante la propria temperatura. Questi materiali di nuova concezione possono essere facilmente integrati nei soffitti e nei rivestimenti delle pareti da cui assorbono il calore mantenendo internamente una temperatura costante riducendo la necessità di aria condizionata (fredda o calda). Questi rivestimenti costituiti sostanzialmente da microcapsule sono realizzate in modo tale da contenere il calore durante le ore di soleggiamento. Alcune aziende che vendono materiali a cambiamento di fase sostengono che utilizzando tali materiali è possibile ridurre la temperatura interna dell’edificio anche di 7 °C, riducendo così i costi di condizionamento.

Api e Biodiversità

Le api sono una parte integrante della nostra biodiversità. E’ importante nell’ambiente cittadino la salvaguardia della fauna selvatica aumentandone anche la sua diversità. Implementare il concetto di biodiversità in architettura, possiamo fare un mondo più pulito e più verde. Mantenendo così le api e dando spazio ad alveari nelle città è già fare un passo importante per garantire un ambiente più pulito più verde. Già a Londra, un vasto numero di alveari sono stati installati sui tetti degli edifici, attirando milioni e milioni di api.

Materiali Sostenibili

Oltre ai numerosi prodotti utilizzati nelle costruzioni realizzati con materiali riciclati, molti ricercatori stanno guardando a nuovi materiali provenienti da altri settori, raramente utilizzati in architettura. Migliaia di materiali in tutto il mondo vengono raccolti ogni anno. Questi materiali selezionati servono a fornire un’alternativa ecologica a tutti quei prodotti basati sul petrolio dannosi per l’ambiente. Questi campioni sono stati studiati e delle loro proprietà pensate ad un buon uso. Una tendenza in piena espansione in tutto il mondo anche a causa della crisi immobiliare e della ricerca di nuovi materiali a basso impatto ambientale e basso costo.