Archivi tag: costruire

Come auto-costruire una casa in stile Hobbit nel giardino con 180 euro

casa hobbit a costo zero

Una piccola e accogliente earth house in stile “Hobbit”. Se l’è auto-costruita, con appena 150£ (180 Euro circa), il 59enne Michael Buck, un ex professore di arte, nel giardino della sua principale abitazione a Oxfordshire, una contea dell’Inghilterra del sud-est.

In questi anni ha fatto il giro del mondo la Low Impact Woodland Homel’earth house costruita da Simon e Jasmine Dale, una coppia gallese con appena 4000 euro, diventando, di fatto, la casa degli hobbit per antonomasia, nonché il sogno di tutti quelli che vorrebbero fuggire dalla città. Ma Buck è andato oltre, riuscendo nell’impresa di realizzare questa casetta nel proprio giardino ad un prezzo davvero irrisorio.

Buck ha passato 2 anni a raccogliere materiali naturali e di recupero per la costruzione. Ha impiegato altri otto mesi per dar vita alla sua creazione, realizzata solo a mani nude e senza alcun attrezzo. Come ha fatto? Semplice: ha impiegato un’antica tecnica edilizia, appresa da un libro, quella del “cob”. La tecnica viene addirittura dalla preistoria e sfrutta un materiale da costruzione realizzato da una miscela di sabbia, paglia, argilla, acqua e terra. 

L’argilla è mescolata con sabbia, paglia e acqua. Il materiale, versato su un basamento di pietra, viene pressato usando mani e piedi. Gli strati si accumulano gradualmente, mentre induriscono nel tempo. Il processo è noto come “Cobbing” e dà vita a un materiale resistente, durevole e resistente agli agenti atmosferici.

Per completare la sua casa di terra, Michael Buck si è ingegnato. Le assi del pavimento sono realizzate con il legno recuperato da un vicino. Il vetro delle finestre viene dal parabrezza di un vecchio autocarro. Le pareti sono dipinte con una miscela di gesso e resina vegetale. Il tetto, infine, è una semplice cornice di legno sovrastata dalla paglia raccolta nei campi attigui. Non aveva previsto di utilizzare soldi per la costruzione, ma ha fatto un paio di errori di calcolo che hanno comportato una spesa 150£. Ad esempio, la quantità di paglia di cui aveva bisogno per il tetto era maggiore del previsto, così ne ha dovuto comprare dell’altra.

casa hobbit a costo zero 2

casa hobbit a costo zero 3

La casa di paglia hobbit non ha un impianto elettrico, né acqua corrente e gas. Ma i residenti della casa non ne hanno bisogno: l’acqua arriva grazie a una vicina sorgente, che è stata deviata per sgorgare fuori dalla casa. Non c’è riscaldamento centralizzato, certo, ma le pareti di terra e il tetto di paglia offrono un ottimo isolamento. La combustione della stufa a legna può essere utilizzata per la cottura ed è strategicamente posizionato sotto il letto a castello. Questo fa in modo che i residenti stare al caldo per tutta la notte, mentre per illuminare ci sono candele e lanterne.

Uno spazio ben studiato, a pochi metri dalla porta di casa, serve come frigorifero naturale per le derrate alimentari. La casa dispone di un gabinetto di compostaggio in una dependance di paglia separata con vista sulla campagna dell’Oxfordshire. Lo scopo finale di Buck era quello di dimostrare che per avere una casa confortevole non è necessario pagare un mutuo per tutta la vita.

Roberta Ragni

Foto e fonte

LEGGI ANCHE:

Case di Paglia: come autocostruire una casa naturale e autosufficiente con 45mila euro

Earth Houses: le “case degli Hobbits” costruite in perfetta armonia con la natura

Annunci

Casa in legno, costruire bene e abitare meglio

Sono stati individuati sette vantaggi nel costruire e vivere in una casa di legno. L’aspetto estetico della costruzione non è limitato dal materiale, anzi, grazie ad appositi progetti, il design ecosostenibile potrà soddisfare anche le più forti esigenti. La tematica vivere in una casa di legno è stata affrontata dall’azienda Stratex con la divisione Living. L’azienda ha voluto mettere in evidenza il binomio Design-funzionalità e ha individuato sette vantaggi per l’uomo e per l’ambiente, tutti riconducibili alla realizzazione di case in legno.

GUARDA LE FOTO DELLE CASE STRATEX LIVING

I sette vantaggi sono stati riassunti in un report ad hoc che dimostra come Costruire Bene possa aiutarci ad Abitare Meglio con l’unione giusta tra funzionalità, sostenibilità e buon design. Al primo posto non poteva mancare l’ecosostenibilità, seguita dalla salubrità, dal risparmio energetico, dalla sicurezza e altri motivi che possono essere racchiusi in un unico termine: praticità.

La Stratex mira a costruire case in legno che possano soddisfare gli standard di ecosostenibilità utilizzando materiali eco-compatibili di provenienza controllata e prestazioni certificate. Con questa tipologia di case di legno si può parlare anche di benessere diffuso. La salubrità si riscontra nelle proprietà traspiranti, nella creazione di un ambiente protetto dall’umidità e dalle condense e, soprattutto, dai materiali impiegati capaci di creare un ambiente sano dall’alto gradiente di comfort abitativo.

Si parla anche di risparmio energetico perché i moduli impiegati possono vantare ottime prestazioni acustiche, anche superiori agli standard normativi. Per non parlare dell’isolamento termico caratteristica della bassa conducibilità termica del legno. Si è stimato un guadagno in termini energetici di circa l’80% riuscendo a mantenere una temperatura calda in inverno e fresca d’estate.

A caratterizzare le abitazioni Stratex è la certificazione della Classe Energetica degli edifici: la divisione Living raggiunge facilmente la classe A consumando meno di 30 hwh/mqa e con l’aggiunta di accorgimenti tecnici è possibile arrivare a un consumo inferiore ai 10 hwh/mqa. Si parla di sicurezza grazie alla resistenza alle sollecitazioni sismiche e, da non dimenticare che il legno è in assoluto il materiale più sicuro, è leggero ed elastico e, in caso di incendio, lo strato più esterno impedisce al fuoco di progredire all’interno.

GUARDA LE FOTO DELLE CASE STRATEX LIVING

Le case in legno si dimostrano capacei di soddisfare tutte le esigenze e anche molto pratiche: sono accuratamente preassemblate e quindi si potrà avere una casa nuova in poche settimane.

Pubblicato da Anna De Simone

Fonte: ideegreen.it

Sistema di ventilazione globale

 sistema globale di ventilazione che permette il massimo raffrescamento estivo e isolamento invernale

1)Tetto ventilato

2)Pareti esterne ventilate

3)Vespaio interrato ventilato

Lo schema di ventilazione globale rappresentano nel disegno sotto riportato. (In colore blù è indicato il percorso dell’aria) .